ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL CORSO DI STUDIO
DI ISTITUTO TECNICO PER ATTIVITA’ SOCIALI

INDIRIZZO “DIRIGENTI DI COMUNITA'”

PROGRAMMA D’ESAME PER I CANDIDATI ESTERNI CHE SOSTENGONO LE PROVE PRESSO ISTITUTI PRIVI DELLO SPECIFICO INDIRIZZO

(C.M. n. 280 del 19/11/1999 – paragrafo 4.5)


ITALIANO

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • Problematiche fondamentali, autori e testi rappresentativi della tradizione letteraria italiana del secolo XIX e del secolo XX.
  • Elementi storici e culturali che contribuiscono a determinare il fenomeno letterario.
  • Caratteri specifici del testo letterario.
  • Produzione scritta, esercitata nella forma delle diverse tipologie indicate dalla normativa riguardante la prima prova scritta dell’esame di Stato.

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • Neoclassicismo, Preromanticismo, Romanticismo
  • Foscolo
  • Manzoni
  • Leopardi
  • Positivismo, Naturalismo, Verismo
  • Verga
  • Contesto storico-culturale dei primi anni del XX secolo: Decadentismo, Simbolismo, Estetismo, Vitalismo, Futurismo
  • Carducci
  • Pascoli
  • D’Annunzio
  • Pirandello
  • Svevo
  • Contesto storico – culturale del periodo tra le due guerre
  • Ungaretti
  • Montale
  • Quasimodo
  • Saba
  • Contesto storico – culturale del secondo dopoguerra
  • Dante: Il Paradiso (indicazioni di lettura: almeno tre canti inquadrati nella Cantica generale)
L’analisi dei problemi letterari trova puntuale riscontro nella lettura dei testi.

Si propongono, a titolo orientativo, le seguenti indicazioni di lettura:

  • Neoclassicismo – Preromanticismo:
    – passi da: J.J. Winckelmann, “Pensieri sull’imitazione dell’arte greca nella pittura e nella scultura”; J.J. Winckelmann, “Dell’arte del disegno de’ Greci e della bellezza”
    – Cesarotti, traduzione de “I canti di Ossian” di Mcpherson
  • Foscolo:
    – da: “Le ultime lettere di Jacopo Ortis”: lettera 11 ottobre 1797; lettera 13 ottobre 1797; lettera 26 ottobre 1797; lettera 3 dicembre 1797; lettera I novembre 1797; lettera 14 maggio, a sera, 1798; lettera 25 maggio 1798; lettera 4 dicembre 1798; lettera 19 e 20 febbraio 1799
    – dai “Sonetti”: – “In morte del fratello Giovanni” – “Alla sera” -“A Zacinto”
    – “I Sepolcri”
    – “Le odi”
  • Romanticismo:
    – passi da : M.me de Stael, “Sulla maniera e utilità delle traduzioni”;
    P.Giordani, “Un italiano risponde al discorso della Stael”;
    G. Berchet, “Lettera semiseria di Grisostomo al suo figliolo”
  • Leopardi:
    – dalle “Operette Morali”: “Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare” – “Dialogo della Natura e di un Islandese” – “Dialogo di Tristano e di un amico” – “Dialogo di un venditore di almanacchi” – “Cantico del gallo silvestre”
    – passi dallo “Zibaldone”
    – dai “Canti”: “L’infinito” – “Il passero solitario” – “Alla luna” – “La sera del dì di festa” – “A Silvia” – “Il canto notturno di un pastore errante dell’Asia” – “La quiete dopo la tempesta” – “Il sabato del villaggio” – “La ginestra o il fiore del deserto”
  • Manzoni:
    – da “In morte di Carlo Imbonati”: versi 207-215
    – passi dalla “Lettera a M. Chauvet”
    – dagli “Inni sacri”: “La Pentecoste”
    – dall'”Adelchi”: Atto I – Atto IV – Coro dell’Atto IV – Atto V
    – “I Promessi Sposi”
  • Verga:
    – Prefazione a “L’amante di Gramigna”
    – Dalle “Novelle rusticane”: – “La roba”
    – Da “Vita dei campi”: – “Fantasticheria” – “Rosso Malpelo”
    – “I Malavoglia”
  • Carducci:
    – da “Rime nuove”: Il comune rustico – Traversando la Maremma toscana
    – da “Odi barbare”: Alla stazione in una mattina d’autunno
  • Pascoli:
    – dalle “Prose”: – “Il fanciullino” – “La grande proletaria si è mossa”
    – da “Myricae”: – “Arano” – “Lavandare” – “Novembre” – “X Agosto” – “Temporale”
    – dai “Canti di Castelvecchio”: – “Nebbia” – “Il gelsomino notturno”
  • D’Annunzio:
    – da “Il Piacere”: capitolo II
    – Passi da “Le vergini delle rocce”
    – da “Le Laudi”: – “La sera fiesolana” – “La pioggia nel pineto”
    – Passi da “Il notturno”
  • I futuristi:
    – Filippo Marinetti: “Manifesto del futurismo”
    da “Zang Tumb Tumb”: 80 Km all’ora – Turco pallone sfrenato
  • Pirandello:
    – da “L’umorismo”: – Parte seconda, II, IV
    – da “Novelle per un anno”: – “La patente” – “La carriola” – “Distrazione” – “La signora Frola e il signor Ponza suo genero” – “Fuga”
    – “Il fu Mattia Pascal”
    – “Uno nessuno e centomila”
  • Svevo:
    – “La coscienza di Zeno”
  • Ungaretti:
    – da “L’Allegria”: “Veglia” – “Fratelli” – “Sono una creatura” – “Pellegrinaggio – “San Martino del Carso” – “Fiumi”
    – da “Sentimento del tempo”: “L’isola”
    – da “Il dolore”: “Giorno per giorno” – “Non gridate più”
  • Montale:
    – da “Ossi di seppia”: “I limoni” – “Non chiederci la parola” – “Spesso il male di vivere” – “Cigola la carrucola nel pozzo”
    – da “Le occasioni”: “La casa dei doganieri”
    – da “La Bufera”: “L’anguilla”
  • Quasimodo:
    – da “Acque e terre”: “Ed è subito sera” – “Vento a Tindari”
    – da “Oboe sommerso”: “L’eucalyptus”
  • Saba:
    – da “Il Canzoniere”: “A mia moglie” – “Trieste” – “Città vecchia”
    – uno dei romanzi della Trilogia de “I nostri Antenati”

STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

STORIA

  • Imperialismo e colonialismo tra XIX e XX secolo
  • La seconda rivoluzione industriale
  • L’età giolittiana: politica interna, estera ed economica
  • La prima guerra mondiale: cause, blocchi in conflitto, eventi, sviluppi, conclusioni
  • La rivoluzione russa
  • Il primo dopoguerra in Europa
  • I sistemi totalitari: fascismo, nazismo, stalinismo
  • La seconda guerra mondiale: cause, blocchi in conflitto, eventi, sviluppi, conclusioni
  • Il secondo dopoguerra nel mondo: guerra fredda, terzo e quarto mondo, istituzione dell’O.N.U., la terza rivoluzione industriale
  • Il secondo dopoguerra in Europa: dalla guerra fredda alla nascita della C.S.I.; La comunità europea
  • Il secondo dopoguerra in Italia: la nascita della Repubblicaitaliana, il dopoguerra e la ricostruzione, gli anni cinquanta e il boomeconomico, ’60-’76: dalla crisi del centrismo agli anni delcentro-sinistra

EDUCAZIONE CIVICA

  • Previdenza ed assistenza
  • Le formazioni sociali nelle quali si esplica la personalità umana
  • La famiglia
  • Gli enti autarchici
  • L’ordinamento dello Stato italiano
  • Gli organismi internazionali e supernazionali per la cooperazione fra i popoli

LINGUA STRANIERA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

A) Linguaggio settoriale relativo alle discipline di indirizzo (igiene e puericultura, psicopedagogia, economia delle comunità e tecnica organizzativa).

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • Conversazione adeguata al contesto e alla situazione di comunicazione.
  • Comprensione di pubblicazioni di carattere specifico dell’indirizzo con individuazione dei concetti chiave.
  • Produzione di brevi composizioni relative ai contenuti dellediscipline di indirizzo (igiene e puericultura, psicopedagogia, economiadelle comunità e tecnica organizzativa).
  • Osservazione della realtà sociale del paese di lingua straniera
  • Lettura e comprensione di articoli tratti da riviste, dapubblicazioni specializzate e/o dalla rete Internet sugli argomenti diindirizzo dell’ultimo anno: le problematiche relative all’anziano.

B) Lettura e analisi di brani di autori stranieri significativi dell’Ottocento e del Novecento.

Costituisce oggetto di particolare attenzione l’analisi di brani significativi di testi letterari dei seguenti autori:

  • FRANCESE: Flaubert – Zola – Baudelaire – Proust – Camus
  • INGLESE: Shaw – Wilde – Joyce – Forster – Golding
  • TEDESCO: Novalis – Rilke – Mann – Hesse – Brecht
  • SPAGNOLO: Valera – Ortega y Gasset – M.de Unamuno – Machado – Vázquez.Montalbán
  • RUSSO: Cechov – Blok – Achmatova – Bulgakov – Pasternak

PSICOLOGIA E PEDAGOGIA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • Gli autori e le teorie della storia dell’educazione occidentale dall’Ottocento ad oggi
  • Le problematiche psicologiche dell’adulto
  • Le teorie dell’invecchiamento: i fattori – i cambiamenticognitivi ed i cambiamenti affettivo-motivazionali, l’invecchiamentodella personalità, la filosofia di vita e l’atteggiamento verso la morte- I fattori di disadattamento e riadattamento

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

PSICOLOGIA

  • Caratteristiche psicologiche dell’adulto
  • L’adulto e l’ambiente, l’adulto e il lavoro, l’adulto e il matrimonio, l’adulto e la famiglia, l’adulto e il tempo libero
  • Invecchiamento e vecchiaia
  • Trasformazioni fisiche, fisiologiche, intellettuali, psicologiche dell’anziano
  • Trasformazioni della società e della famiglia e perdita del ruolo dell’anziano
  • La crisi del pensionamento
  • Altri problemi dell’anziano: solitudine, carenze di strutture abitative e di servizi, problemi finanziari, malattia
  • L’istituzionalizzazione e le sue conseguenze psicologiche: isolamento, passività, regressione
  • Alternative alla casa di riposo: case-albergo, case protette,strutture a livello di quartiere, assistenza domiciliare, alloggiaperti, centri autogestiti
  • L’anziano e il tempo libero

PEDAGOGIA

  • Il Romanticismo in Pestalozzi – Herbart – Frobel – Aporti – Don Bosco
  • L’educazione nel Positivismo : Comte – Spencer – Ardigò – Gabelli
  • La riforma Gentile
  • Industrialismo e Capitalismo – Marx: alienazione ed educazione
  • La pedagogia dell’attivismo (Dewey – Maritain – Le scuole nuove – R. e C. Agazzi – Montessori)
  • Freud e la psicoanalisi
  • Orientamenti contemporanei (Piaget – Brunner – Skinner)
  • Organizzazione della vita comunitaria: bisogni e finalità
  • Tipi e caratteri di comunità nel mondo moderno
  • Funzione educativa delle attività di tempo libero

ELEMENTI DI DIRITTO, ECONOMIA E SOCIOLOGIA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • I fondamenti logico-concettuali dei principali istituti giuridici del diritto del lavoro
  • Le dimensioni sociologiche dei rapporti umani per poter operare nelle comunità di tipo educativo-assistenziale

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • La questione sociale
  • L’evoluzione storica del diritto del lavoro
  • Le fonti del diritto del lavoro
  • Il lavoro nella Costituzione
  • Le strutture pubbliche nel settore del lavoro
  • Il rapporto di lavoro subordinato: formazione, svolgimento e cessazione
  • Il lavoro dei giovani: contratti speciali
  • Il lavoro delle donne: principali direttrici normative
  • Le lavoratrici madri: varie forme di tutela
  • L’organizzazione sindacale e le sue funzioni
  • Il contratto collettivo di diritto comune e il suo ambito di applicazione
  • Il diritto di sciopero
  • Il trattamento pensionistico
  • L’assicurazione per gli infortuni e le malattie professionali
  • La politica sociale e comunitaria
  • La socializzazione
  • Nozioni di sociologia: il gruppo, le relazioni interpersonali, i processi sociali
  • I valori sociali
  • L’integrazione socio-culturale
  • Cenni di sociologia della famiglia, sociologia rurale, urbana ed industriale
  • La sociologia del tempo libero
  • La leadership

IGIENE E PUERICULTURA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • Caratteristiche fondamentali morfologiche, fisiologiche epatologiche del periodo evolutivo e del periodo involutivo della vitaumana
  • Inserimento costruttivo nei servizi sociali a dimensione comunitaria
  • Organizzazione autonoma della gestione delle situazioni problematiche, in collaborazione con altre figure professionali

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • La composizione elementare degli organismi viventi: sostanzeorganiche e inorganiche che compongono l’organismo umano e lorofunzioni
  • Alimenti e nutrienti
  • Digestione e assorbimento
  • Metabolismo e fabbisogno energetico
  • Anatomia e fisiologia dell’apparato riproduttivo maschile
  • Anatomia e fisiologia dell’apparato riproduttivo femminile
  • Fecondazione
  • Cenni sullo sviluppo embrio-fetale
  • La gravidanza
  • Il parto
  • Aspetti morfo-fisio-patologici che caratterizzano l’età neonatale, l’età del lattante e la prima infanzia
  • Fisiologia della lattazione
  • Allattamento materno, misto, artificiale: indicazioni e controindicazioni. Differenze tra i vari tipi di latte
  • Divezzamento
  • Alimentazione del bambino dopo il divezzamento
  • Alimentazione nella seconda infanzia, nella terza infanzia, nell’adolescenza, nell’età adulta, nelle persone anziane
  • Disturbi della alimentazione
  • La senescenza
  • Teorie biologiche dell’invecchiamento
  • Modificazioni a carico dei vari organi
  • Malattie ricorrenti nell’anziano

CONTABILITA’ E STATISTICA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • Le fasi dell’indagine statistica
  • Metodi di rilevazione
  • Tabelle unitarie, di frequenza, di quantità e di intensità
  • Rappresentazioni grafiche
  • Misure di sintesi e di dispersione
  • Rapporti statistici

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • Concetto di “Statistica”
  • Caratteristiche del metodo statistico e della sua evoluzione storica
  • Procedure relative all’analisi dei fenomeni di massa (fasi dell’indagine)
  • Principali rappresentazioni grafiche: con riferimento cartesiano, con riferimento polare, ideogrammi, cartogrammi, areogrammi
  • Concetto di “valore medio”; conoscenze delle tecnichenecessarie per la ricerca della media aritmetica semplice e ponderata,del valore mediano e della moda; principali misure di dispersione: gammadella distribuzione, scarto semplice medio e scarto quadratico medio
  • Concetto di “concentrazione”; conoscenza della procedura per la determinazione dell’area di concentrazione
  • (Tecniche di interpolazione e di perequazione; metodo diperequazione per medie mobili e mediante ingrandimento delle classi;concetto di extrapolazione)*
  • Concetto di “rapporto statistico”; metodologia relativa alladeterminazione dei rapporti di composizione, di coesistenza, di densità,di derivazione, di durata, di ripetizione degli indici storici – a basefissa e mobile, a base che muta periodicamente – e geograficisemplici e complessi.

* Quanto tra parentesi deve ritenersi cancellato (nota Direzione Tecnica n. 1730 del 12/06/2000)

ECONOMIA DOMESTICA E TECNICA ORGANIZZATIVA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • Alimenti di origine sia vegetale sia animale
  • Principali tecniche di conservazione e cottura degli alimenti
  • Bisogni in nutrienti ed energia dell’organismo umano nelle varie età
  • Procedimento per predisporre una dieta equilibrata in condizioni sia fisiologiche sia patologiche
  • Problematiche alimentari che riguardano soggetti sia sani sia malati della collettività.

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • Alterazioni alimentari
  • Conservazione degli alimenti a freddo, a caldo, per disidratazione. Additivi alimentari
  • Conservazione in comunità: organizzazione e norme igieniche
  • Definizione di alimento. Classificazione degli alimenti
  • Principali funzioni dei sette gruppi fondamentali degli alimenti secondo l’I.N.N.
  • Definizione, composizione chimica, valore nutritivo deiprincipali alimenti: latte – yogurt -formaggi; carne – prodotti ittici -uova; pane – pasta – riso; legumi; grassi ed oli; ortaggi e frutta
  • Cottura degli alimenti: metodi, tecniche e trasformazione dei nutrienti
  • Cottura dei cereali, della carne, dei prodotti ittici, delle uova, del latte e degli ortaggi
  • Bisogni di energia e nutrienti. Criteri generali di valutazione dei bisogni materiali nelle differenti età
  • Alimentazione equilibrata in funzione delle diverse necessitàfisiologiche e nutrizionali: soggetto in età evolutiva, adulto,gestante, nutrice ed anziano
  • Dieta per la prevenzione e la cura delle malattie: diabete, obesità, ipercolesterolemia, gotta, malattie tumorali

MUSICA E CANTO CORALE

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • Elementi principali del linguaggio musicale
  • Brani del repertorio corale e semplici regole per l’emissione vocale corretta
  • Struttura delle principali forme musicali
  • Generi, stili e principali correnti della storia della musica occidentale

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • Elementi principali del linguaggio (teoria musicale)
  • La voce umana
  • Il canto professionistico
  • Esercizi di educazione al canto
  • Esecuzione di canti ad una o più voci
  • Quadro riassuntivo dei periodi storico-musicali
  • Generi, stili e correnti musicali
  • La musica europea nell’Ottocento
  • Correnti musicali del Novecento
  • Musica folkloristica
  • La canzone moderna
  • Il jazz
  • Ascolto di brani inerenti agli argomenti trattati
  • Compilazione di schede – percorso per l’analisi guidata di un brano musicale
  • Attività musicali nelle comunità per adulti e per anziani(esperienze di ascolto, musica e movimento, principi di musicoterapia,animazione varia)

EDUCAZIONE FISICA

Gli obiettivi di conoscenza, competenza e capacità hanno come termini di riferimento:

  • Tecnica di base dell’attività motoria educativa
  • Tecnica, tattica e regole di alcuni sport di squadra
  • Tecnica e regole di alcune specialità dell’atletica leggera
  • Risoluzione di situazioni problematiche attraverso dinamiche motorie

Al riguardo, sono di particolare rilevanza:

  • A) Attività:
    – Attività di potenziamento fisiologico mirate al consolidamento delle capacità motorie : corsa prolungata in ambiente naturale ed in palestra, percorsi ginnici, uso di piccoli e grandi attrezzi;
    – Esercizi a corpo libero, in decubito, dalla stazione seduta ed in piedi, eseguiti in forma libera e con comando a ritmo e con la musica;
    – Uso di piccoli e grandi attrezzi: la scala orizzontale – la palla ritmica; esercizi di base, in forma di riporto e piccole combinazioni, anche di libera ideazione;
    – Attività di consolidamento della pratica delle seguenti attività sportive : pallavolo, ginnastica e attività ritmico-sportiva, pallacanestro, palla-tamburello, atletica leggera
  • B) Approfondimento teorico:
    – Attività motoria nella terza età;
    – Attività motoria per il disabile;
    – Attività motoria in gravidanza ed in preparazione al parto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi